Carte Fortunate

Regole dell’Invito, Pot o Jack Pot e Cip al Poker

Da regolamento del Poker prima di passare alla distribuzione delle carte, il banco deve decidere l'istituzione del pot e del cip.
Che servirà per aumentare sin da subito l'entità del piatto e per stimolare maggiormente i giocatori.

Il banco prima di consegnare le carte dovrà effettuare il cosiddetto invito.
Dovrà, quindi, mettere nel piatto una determinata somma e dovrà essere imitato da tutti gli altri giocatori.
Gli inviti: Gioca a Poker
L'invito è un obbligo, ma per limitare al massimo la consistenza di questi inviti si usa anche stabilire all'inizio della partita quale sarà l'invito massimo consentito durante lo svolgimento della partita.

In molti tavoli vi è l'abitudine che l'invito non venga fatto ad ogni mano, ma effettuato solo saltuariamente, con l'istituzione del pot o Jack Pot.

Il pot è un oggetto personale che il primo mazziere deporrà nel piatto insieme con l'invito.
Il vincitore di quel piatto ritirerà con le fiches anche il pot, e avrà a sua volta, se lo vorrà, il diritto di effettuare un'altro invito. Se l'invito ci sarà, il pot sarà rimesso nel piatto e passerà al vincitore di quella mano. Solo il possessore del pot ha diritto di effettuare l'invito.

Oltre all'invito, il mazziere dovrà mettere nel piatto un'altra fiches. Questa, che sarà del minore valore fra tutti quelli costituenti la puglia, viene chiamato cip.

Capita sovente in cui il cip assuma un valore nominale. Il mazziere in questo caso dovrà mettere nel piatto il solo invito, imitato da tutti gli altri partecipanti, e anche successivamente, durante tutto il corso della gara, quando capiterà di dover dire -cip-, cioè il minimo della puntata, essa sarà puramente simbolica e nessuna fiches dovrà essere messa nel piatto.

Ovviamente anche questo farà parte degli accordi precauzionali che saranno presi prima di iniziare una partita di poker.

Gioca subito



Poker